martedì 3 novembre 2015

Marchio Agriqualità per Terremerse



Cos’è il Marchio Agriqualità
Agriqualità è il marchio di processo registrato dalla Regione Toscana per identificare e promuovere i prodotti agroalimentari realizzati con tecniche di agricoltura integrata. L'agricoltura integrata è stata disciplinata inizialmente dal Regolamento (CEE) n. 2078/92, relativo a metodi di produzione agricola compatibile con le esigenze di protezione dell'ambiente e con la cura dello spazio naturale.
Numerose aziende agricole toscane hanno aderito a tale regolamento e proprio questo dato ha spinto la Regione Toscana a continuare a promuovere tale modalità produttiva con una propria legge (L.R. 25/99). Legge che si pone come finalità quella di favorire la produzione, la valorizzazione e la diffusione dei prodotti agroalimentari ottenuti con tecniche di produzione integrata nell'obiettivo di sostenere il reddito degli agricoltori.


Come si ottiene
La concessione del Marchio Agriqualità è subordinata al rispetto di Disciplinari di Produzione Integrata, redatti dalla Regione Toscana, i quali regolamentano l’intera filiera dalle tecniche di coltivazione e allevamento, alla trasformazione, conservazione e vendita del prodotto al dettaglio.
La Toscana è fra le prime regioni in Europa a garantire con un proprio marchio collettivo i prodotti dell’Agricoltura Integrata tramite la Legge Regionale n° 25 del 15 aprile 1999, “Norma per la valorizzazione dei prodotti agricoli e alimentari ottenuti con le tecniche di produzione integrata e tutela contro la pubblicità ingannevole”, e il Regolamento Regionale n° 47 del 2 settembre 2004, “Regolamento d’uso del marchio collettivo Agriqualità prodotto da agricoltura integrata ai sensi dell’art. 3 della L.R. 15 aprile 1999 n° 25”.
Il Marchio Agriqualità, rappresentato da una farfalla bianca in campo azzurro, giallo e verde, insieme al Pegaso della Regione Toscana contraddistingue inequivocabilmente tali produzioni.
I concessionari del Marchio sono tenuti ad assoggettarsi al controllo di un ente terzo e indipendente accreditato sulla base della norma UNI EN 45011 (Requisiti generali relativi agli organismi che gestiscono sistemi di certificazione di prodotti) per la certificazione dei prodotti agricoli.
Per quanto riguarda Terremerse l’Ente prescelto è CCPB - Controllo e Certificazioni - di Bologna, che è uno degli organismi cui è deputato il controllo dell’applicazione dei Disciplinari di Produzione Integrata della Regione Toscana per le fasi di produzione, post-raccolta e trasformazione, mediante verifiche ispettive e prelievo di campioni di prodotto da sottoporre ad analisi.

In pratica
Terremerse partecipa a questa filiera fornendo frumento tenero destinato alla produzione della “Pasta Toscana” reperibili anche nei supermercati Coop. Questa certificazione va a incrementare le certificazioni di sistema e di prodotto che Terremerse ha ottenuto per la realizzazione dell’obiettivo della valorizzazione delle produzioni e del territorio.

Nessun commento:

Posta un commento